{{Vengeance}} Essere Migliore Essendo il Proprio Nemico

by 1=2

reading time: 3 minutes

Ti è mai venuta voglia di essere cattivo con te stesso?

Incoraggiare l’Io

Ci sono momenti in cui nessuno può toccarti (non inteso in senso fisico) e, spesso, questo accade perché non sei assolutamente concentrato sugli altri: sei tremendamente concentrato su te stesso, ma in modo positivo.

Prima di scendere più nel dettaglio nell’analisi della canzone “Vengeance”, devo ammettere che la musica mi cura, è in effetti la cura più dolce.
Mi guida infatti in posti dove posso scoprire di più su me stesso, scoprire di più sul mio modo di approcciare l’esistenza e tutto il mondo che mi circonda.

Il Nemico e la Preda

Ho capito di essere cambiato nell’istante in cui ho scritto il primo verso della canzone. “I can’t blame you the way I was used.” Questa semplice frase mi ha posto anni oltre il tempo in cui nasceva quel sentimento.
In quel tempo (anni prima di scrivere la canzone), ero nella condizione di sentire la mia parte oscura come il nemico, mentre subito dopo aver scritto quella frase, mi resi conto che stavo approcciando la mia parte oscura come la preda. La ricordo essere stata una sensazione incredibile!

Il più delle volte il processo, per te, potrebbe essere il seguente:

  1. Rintracci il problema e lo affronti
  2. Metti a fuoco i suoi punti di forza e di debolezza
  3. Elabori una strategia per risolverlo
  4. Lo risolvi / Non lo risolvi
  5. Fai l’analisi finale della battaglia

A me non riesce fare così, non riesco proprio a pianificare le mie emozioni ed i miei sentimenti o, meglio, la strategia per indirizzare le problematiche (esterne) dove voglio. Le volte che mi capita di affrontare dei problemi, inizialmente vado col flusso (dei problemi) e cerco di accompagnarli alla porta di casa.
[Giusto per precisare: “andare col flusso” per me ed in questo caso, significa il “flusso esterno” a me, i problemi col mondo fuori]

Quando Realizzi che hai Vinto Solo Settimane dopo Esserci Riuscito

Non è una cosa facile battagliare con il proprio “io”. In effetti persone in tutto il mondo hanno costruito il proprio successo professionale urlando “NON DEVI COMBATTERE LE TUE EMOZIONI!”.
Ma in realtà non si tratta di combattere le proprie emozioni quanto piuttosto combattere la propria volontà di lasciarsi andare.
Non mi stancherò mai di affermare che non si deve avere paura dei propri sentimenti, mai. Perché questo? Perché sono i mattoncini più importanti fra quelli che costituiscono la propria personalità.

Adoro la tensione che spesso risiede qua dentro, non riesco proprio a non scannarmi con essa. Questo mi fa sentire utile a me stesso (almeno molto più che guardare serie su Netflix). In più sono “nel business del modellare me stesso” da così tanto tempo che sono diventato bravo: ora posso vedere la differenza, davvero.
Inoltre, mi sento meglio adesso, ne deduco che sembra funzionare, almeno per come lo faccio e lo faccio A ME(!)

Vengeance di One Equals Two foto tratta dal video
Fermo immagine tratto dal video “Vengeance” – Parte Oscura Sconfitta [filmato da Luca Fivizzani]

Oscurità VS Luce

Tutti le possediamo entrambe [PUNTO].
Ho girato un video di 1 minuto dove spiego brevemente cosa ha ispirato la canzone “Vengeance”. Lo puoi guardare qui.

“Conosci il tuo Nemico” (alias conosci te stesso)

Come molti di noi, anche io ho letto “L’arte delle Guerra” di Sun-Tzu.

Per quanto questo post sia riferito ad un caso peculiare, dovresti veramente imparare a conoscerti, sentirne l’urgenza.

Saprai già molto bene che il mondo non gira intorno a te, che devi essere gentile e occuparti del prossimo, avere tempo per gli altri. Detto questo, conoscere te stesso è vitale se desideri diventare una persona migliore. Personalmente io lo desidero.
Questo è il motivo per cui l’ “io”, come per molti di noi, è il mio primo vero nemico.

Come Essere Miglori?

  • Osservati
  • Ascoltati
  • Guarda come gli altri ti percepiscono, comprendilo
  • Osserva in profondità i tuoi limiti
  • Non voltare la testa o chiudere gli occhi su qualcosa dentro di te che ti spaventa a morte
  • Non pensare “Sono a posto” semplicemente dimenticando o chiudendo brutti sentimenti o ricordi nel profondo
  • Affrontati
  • Sii terribile o sordido con te stesso giusto il tempo necessario per comprendere e combattere ciò che ti imbruttisce, li dentro
  • Non essere troppo duro con te stesso
  • Non essere troppo tenero con te stesso

O trova qualsivoglia “lista delle cose da fare” che ti si addice di più (ma sii caparbio e onesto… con te stesso, ovvio).

Chiunque tu sia adesso, nel futuro o nei tuoi sogni, qualsiasi cosa possa spaventarti nello scendere nei meandri della tua coscienza, per te è così difficile essere migliore essendo il proprio nemico“?

Clicca qui per ascoltare “Vengeance” e leggere il testo